Pubblicità

martedì 29 gennaio 2008

Buongiorno a tutti

Con questo bel sole come non augurare buona giornata a tutti? Hermione ci sei???
ieri ero in ferie e incredibilmente non mi sono avvicinata a Internet, spero di non esservi mancata troppo! Stamani un bel sole mi mette di buon umore, e ho sfoderato la mia borsina trapuntata nuova, con fiocchetti e ricami. Un amico mi ha detto "Nelli ma perchè ti sei vestita come Hollie Hobbie?" ah ah in effetti fra il cappellino di lana, la sciarpona e la borsa.. sembro uscita dalla casa della prateria.
In genere non è molto nemmeno il mio stile!
Veniamo a noi, da quando ho messo l'indirizzo mail qui a lato sono stata bombardata da mail. Non immaginavo che in così tanti volessero scrivermi (e non vedessero che c'era la possibilità di farlo anche prima). Ci tengo a chiarire che non potro' rispondere a tutti come ho fatto per Enrico e Francesca, ma quando possibile.. perchè no. Come nel caso di Chiara:

Ciao Elena!!!
leggo quotidianamente il tuo blog (e talvolta commento pure!) è sempre un pozzo di informazioni curiosità notizie, grazie per il "lavoro" che fai per tutti noi! a tal proposito ne approfitto per chiederti comè l'aperitivo del mercoledi al serafini, devo portare un'amica che non vedo da un secolo e che non è di firenze in un posto carino e dove si possa anche "cenare" (quindi non solo patatine e noccioline!). Frequento il serafini per pranzo quando posso e ahimè anche per la merenda talvolta (quello scendiletto -sfoglia di crema -è da perdere i sensi!), ma nn ho mai fatto l'aperitivo lì..
ciao chia

Ciao Chiara: non ci sono stata di recente il mercoledì, ma mi sembra che ormai lo facciano tutte le sere. In genere ci mangi abbondantemente: primi, verdure, paninetti, crostini, sottoli e ogni bendiddio. Ma ti dico che chiude alle 20. E anche se il bar è strapieno, sono ferrei. Quindi vedi tu se vale la pena. O più che altro: se volete passare la serata insieme, dopo dovete andare da qualche altra parte. Se invece dopo vai a casa, è un posto che consiglio caldamente. Il mangiare è buono, i ragazzi dietro al bancone gentili e insomma.. se frequenti il posto lo sai come ci tengono alla qualità. Ciao, grazie per i complimenti!

18 commenti:

  1. Ciao Nelli! buona giornata di sole! Non c'entra niente con l'aperitivo...ma come son buone le frittelline di crema e di riso che fa il Serafini...ieri, dopo un "leggerissimo" pranzetto a base di panino al lampredotto e carciofi dal lampredottaio di via gioberti (sugoso e libidinoso..il panino non il lampredottaio!), mi son fatta un bel piattino di frittelline miste...oddio, un po' carucce eh..5 frittelline 2 EURI E 20!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Nelli complimenti per il favoloso blog che leggo ormai da un anno quotidianamente...Ho bisogno del tuo aiuto: ho letto la tua recensione sul filipepe, dovrei andare sabato, ed il prezzo per una volta non mi spaventa...Però un dubbio mi sorge...Non è che dopo aver speso 60 euro a cranio esco affamata perchè le porzioni sono minuscole?Ti ringrazio per la risposta ciao

    RispondiElimina
  3. Le frittelle di riso! Michela mi hai dato un'ideona, ora ci faccio un salto, tanto lavoro in Piazza dei Ciompi :D

    RispondiElimina
  4. Martin però prepara il portafoglio!!!! hanno anche i "cenci"....credo siano buoni, però non li ho assaggiati perchè a me piacciono quelli fatti in casa!

    RispondiElimina
  5. Vabbè, due euro e venti di frittelle ogni tanto me le posso pure permettere :D
    E poi l'altro giorno me ne hanno date tre cattive ad un euro e mezzo (!) al bar qui sotto...

    RispondiElimina
  6. Jolina, al Filipepe ci sono stata, i prezzi sono medio alti, è vero, ma non penso che ti alzerai con la fame anche se ovviamente non sono porzioni da "camionisti"! Ti consiglio di assaggiare i dolci!
    Claudia

    RispondiElimina
  7. Missione compiuta!
    Voto alle frittelle:
    frittella di riso 9 (rasentano la perfezione!)
    frittella alla crema 7+ (insomma, la pasta non erà fenomenale, la crema sì).

    RispondiElimina
  8. Grazie mille Claudia!!

    RispondiElimina
  9. ciao miki
    vero.. le frittelle di riso sono cosi buone.. bava..

    è tanto che non ne mangio una. forser da carnevale dell'anno scorso!

    bravo Martin! la prossima volta ti chiedo la foto eh eh

    per jolina, non penso tu esca affamata. certo non sono porzioni da camionista, ma non mi pare di ricordare neppure da nouvelle cousine (si scrive cosi?). pero' credo che il posto e il modo in cui servono i piatti valga la pena..
    spero che non abbiano cambiato!!

    riguardo i cenci potrei aprire un sondaggio per sentire i nomi che ognuno da a questi dolci.
    chissà a Napoli come li chiamano?
    in alcuni posti so che li chiamano "chiacchere".

    RispondiElimina
  10. Mmmmh....se avessi tempo, stasera mi farei i cenci...ricetta della nonna (che poi è quella originale fiorentina) rigorosamente con zucchero normale, e non con quello a velo che fa "pappina"!!!

    RispondiElimina
  11. Anche a Napoli si chiamano "chiacchiere"... poi ho sentito "frappe", in Umbria/Alto Lazio.

    Mmm... potrei tornare domani da Serafini per le foto delle frittelle... è un duro sacrificio, ma qualcuno dovrà pur farlo :D

    RispondiElimina
  12. naaa la ricetta della nonna! mitica!

    che voglia .. eh eh


    a martin: ok questa mission impossible è affidata a te. solo tu puoi portarla a termine.
    attendo ricezione del microfilm, pardon della foto delle frittelle..
    ;-)

    RispondiElimina
  13. Ragazzi non ho toccato cibo per pranzo e voi mi parlate di cenci, frittelle:un pò di pietà!!

    Buoni, comunque, slurp!

    RispondiElimina
  14. Intanto beccati la ricetta della nonna...che è quella dell'Artusi...io li faccio sempre così, sono delicious!

    Farina, grammi 240.
    Burro, grammi 20.
    Zucchero in polvere, grammi 20.
    Uova, n. 2.
    Acquavite, cucchiaiate n. l.
    Sale, un pizzico.

    Fate con questi ingredienti una pasta piuttosto soda, lavoratela moltissimo con le mani e lasciatela un poco in riposo, infarinata e involtata in un canovaccio. Se vi riuscisse tenera in modo da non poterla lavorare, aggiungete altra farina. Tiratene una sfoglia della grossezza d'uno scudo, e col coltello o colla rotellina a smerli, tagliatela a strisce lunghe un palmo circa e larghe due o tre dita. Fate in codeste strisce qualche incisione per ripiegarle o intrecciarle o accartocciarle onde vadano in padella (ove l'unto, olio o lardo, deve galleggiare) con forme bizzarre. Spolverizzatele con zucchero quando non saranno più bollenti.
    MI RACCOMANDO: devono venire fini fini, se no non vale!
    Buona merenda!!!!!

    RispondiElimina
  15. Una domanda in tema di dolci carnevaleschi: mia mamma oltre ai cenci e alle frittelle fa anche i "chiccioloni", che a detta di mia nonna, che le ha girato la ricetta, sono fiorentini. Nessuno però a Firenze li conosce...
    Non sono altro che rondelle di pasta (stesso impasto dei cenci) con dentro scorza di arancio e zucchero a grana grossa, il tutto fritto con conseguente formazione di caramello.
    Qualcuno di voi sa se sono effettivamente fiorentini?
    Niccolò

    RispondiElimina
  16. modello bbono de Roma29 gennaio 2008 23:48

    le frappe non erano romane ?

    RispondiElimina
  17. comunque non per essere di parte ma venite alla pasticceria stefania in via marconi e assaggiate.poi mi direte! ciao a tutti

    RispondiElimina

Qualsiasi commento è benvenuto :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...