Pubblicità

venerdì 18 gennaio 2008

Voglia di passato, voglia di vintage

Mi fa un po' impressione vedere le nuove generazioni tornare agli anni passati, che siano gli anni '60 o gli anni' 70.. forse che la moda, la musica e la cultura del 2008 non piaccia più di tanto?
in ogni caso..

Stasera al Viper suoneranno i GANZI (che nome ganzo!) un "complesso beat anti matusa" che ripropone il beat italiano, spaziando da produzioni minori fino ai classici che hanno contraddistinto la fine degli anni ’60 (Equipe 84, New Dada, Caterina Caselli, Mal, I Corvi, I Giganti, I Ribelli, I Nomadi etc.). Un salto indietro negli anni '60!
Stasera al Viper ingresso €5
info@viperclub.eu
+39 055.318.231
Fax +39 055 3028229
Via Pistoiese (le Piagge)

E invece domani.. tutti all'aperitivo all'Officina Vintage dagli scatenati ragazzi che hanno partecipato alla mia blogcena (scenette fantastiche di trattative di giacche fra un bicchiere di vino e l'altro, tentativi di seduzione a base di borse Chanel edizione limitata, momenti "imbarazzanti" di travestitismo!!!)

Officina Vintage
dalle 17 alle 20 aperitivo
Via Botticini 20 (zona Soffiano)

In ogni caso la "nuova" canzone di Irene Grandi io l'adoro.. "sono come tu mi vuoi"

15 commenti:

  1. Negli anni 60-70 avevo 15 anni circa e mi ricordo bene sia la musica che la moda. Chi adesso ascolta la musica rivisitata di quegli anni e si veste vintage ovviamente in quegli anni giocava a palla con gli angioletti! Vi piace veramente quella moda e quella musica? A parte Mina che è al di sopra delle parti (Irene Grandi è bravissima e come tu mi vuoi la canta veramente bene) ma la musica di quegli anni era Beatles, non ascoltavo altro. La moda poi era poco portabile per ragazzini come me, decisamente oversize. Davvero, che cosa pensano i 30enni di oggi di quella moda e di quella musica (italiana)? Se ne pensano bene siamo messi un po' male.....
    Buona giornata a tutti
    Silvia

    RispondiElimina
  2. ciao Silvia grazie 1000 del tuo commento!

    per risponderti: forse amano la musica di quegli anni perchè rispetto a ora.. c'era più voglia di sperimentare, di rompere col passato. ma qui dovrebbero rispondere quelli che amano quel periodo musicale.

    per la moda.. temo che le idee scarseggino se dobbiamo periodicamente ritornare a stili già visti.

    comunque la cosa che mi impressiona, non è i 30enni che amano il revival, che magari piccolissimi o nelle pance delle loro mamme hanno vissuto quegli anni.. ma i ventenni!

    forse proprio per quello sono affascinati da un mondo che non hanno potuto conoscere di persona.

    io nel mio piccolo amo alcuni cantanti italiani che hanno dato il meglio di sè negli anni '60. Se li paragono a quello che c'è ora.. sob.. ma non posso definirmi una fan degli anni '70. (seppure trovo alcuni film e mode strepitose, ho visto da poco Hair.. che flash!).

    RispondiElimina
  3. io stasera ci vado al viper!
    ci suona una mia amica, qualcuno di voi viene?

    RispondiElimina
  4. Incredibile, ho assistito allo scatto della foto dei "Ganzi". Passeggiavo per via Verdi chiacchierando con un amico quando ci siamo fermati a guardare quegli strani personaggi in un negozio in posa per le foto, tutti molto sixties...
    Per quanto riguarda il dibattito credo che il filtro della memoria, o del non-ancora-nato-per-viverlo renda tutto più bello e affascinante.
    La musica (straniera) ha toccato forse un apice, così come ci sono stati molti fermenti importanti a livello culturale, delle idee, della moda (perchè no?) e soprattutto non avendoli vissuti ognuno è autorizzato a costruirsi la sua idea di quegli anni.

    RispondiElimina
  5. Buongiorno a tutti, volevo farvi una domanda..sapete di qualche negozio che vende o noleggia vestiti di carnevale per adulti??Firenze o provincia...devo andare ad una festa e non so dove trovarlo!!!grazie per l'aiuto!!!
    baci Marty

    RispondiElimina
  6. ciao ele...

    io volevo farci un salto magari ci sentiamo e ci mettiamo d'accordo

    simo

    RispondiElimina
  7. maddaiiiiiii ganzo che hai visto lo stage dei ganzi!

    eh eh

    per martolina: sapevo che la sartoria "teatrale" vicino via del pignone li noleggiava. molto belli.
    ma non so dirti molto di più e se lo fanno ancora!

    per supersimo: se decidi di venire fammi 1 squillo, io vado e dovrebbe venire anche enrica + icelord.

    RispondiElimina
  8. un saggio di passaggio ...18 gennaio 2008 17:10

    sarà che forse 'piace' ciò che viene fatto piacere ?
    ovvero non c'è selezione, tra le masse, se non quella dettata dalla pressione pubblicitaria ?

    RispondiElimina
  9. modello BBONO di pitti18 gennaio 2008 17:54

    ma ieri al bostonT c'era gnokka ?

    RispondiElimina
  10. modelo arghentino di pitti18 gennaio 2008 17:54

    vò a casa a prender el cappelo e stasera mi fiondo al viperclub a dar noia a la SuperSimo

    RispondiElimina
  11. Viva gli anni '70! c'erano i Led Zeppelin, i Deep Purple i Black Sabbath, si anche i Beatles.... e Jeeg Robot d'acciaio!
    per il resto preferisco la tecnologia di oggi... e non seguo la moda...
    i ragazzi di oggi forse riutilizzano un pò quello che i genitori hanno in casa e poi la moda esplode e tutti gli altri seguono e corrono alla ricerca di qualcosa old-style.

    PS. sono figlio degli anni '70!

    RispondiElimina
  12. devo fare i complimenti alla gente che frequenta questo blog per i commenti mai banali.
    Anche io appartengo alla categoria degli "over" e credo che ogni momento, ogni età abbia diritto a vivere il proprio presente anche se lo sguardo al passato è stata una costante di ogni generazione,specialmente in campo musicale.
    Certo ora si sperimenta meno, c'è meno tempo per "aspettare" qualcosa magari non funziona subito..
    Ma come diceva il grande Tondelli "ogni vita , ogni generazione è ciò che doveva essere.."

    RispondiElimina
  13. Beh volevo fare i complimenti per i post, mai banali e sempre oggetto di discussione intelligente.
    Anche io appartengo alla categoria "over 40" e ricordo che anche la mia generazione aveva lo sguardo rivolto alle mode ed alle musiche degli anni precedenti; credo che sia anche un fatto positivo trarre dal passato gli spunti migliori per affrontare il presente.
    E poi ricordiamoci cosa diceva il grande Tondelli "..ogni vita, ogni generazione è quella che doveva essere.."
    Saluti

    RispondiElimina
  14. grazie a te eagles
    per il tuo contributo.

    anche io adoro Firenze :)

    RispondiElimina
  15. Ciao!
    Qualcuno alla fine è andato al Viper? Io all'ultimo non sono potuta andarci, ma sono molto curiosa di sapere cosa mi sono persa!

    RispondiElimina

Qualsiasi commento è benvenuto :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...