Pubblicità

mercoledì 6 febbraio 2008

Musica jazz in Toscana

E come promesso ecco il post di Martin sulla musica:

Inizia con le prime rassegne del 2008 la sempre ottima stagione jazzistica della Toscana.
Questo mese il "Network Sonoro 2008" inizia a sparare i primi colpi d'artificio col succulento programma del Giotto Jazz Festival di Vicchio (concerti al teatro Giotto) che propone il 21 febbraio uno dei gruppi storici del jazz-fusion, gli Yellowjackets, capitanati dal corposo sax di Bob Mintzer (visto il mese scorso al Pinocchio e in grande forma!): un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati di jazz elettrico; il 22 l'High Five Quintet delle giovani realtà del jazz italiano (considerarli ancora promesse non farebbe giustizia al loro talento!) Fabrizio Bosso (tromba) e Daniele Scannapieco (al sax): diventati conosciuti al grande pubblico grazie alla collaborazione con Mario Biondi che ha portato alla realizzazione dell'album "'Handful Of Soul", propongono un'hard-bop molto pragmatico; il 23 febbraio Matt Jazz Repertory/Omaggio a Luca Flores che ripropone le musiche del jazzista fiorentino, a cui è stato recentemente dedicato un film, Luca Flores, prematuramente scomparso nel 1995; il 24, infine, Joey Baron & Killer Joey, col trascinante jazz venato di sfumatore swing del batterista americano Joey Baron.
Altri appuntamenti interessanti nell'ambito del Network Sonoro 2008: il 9 febbraio, al teatro La Limonaia di Sesto Fiorentino, il quartetto del giovane pianista Giovanni Guidi, con un variegato repertorio che comprende rivisitazioni di brani di Ornette Coleman, Hampton Hawes, Radiohead e Björk; al teatro Politeama di Poggibonsi il primo appuntamento della rassegna "Jazz Cocktail" con i Doctor 3 in "Happy Birthday Sgt. Pepper", progetto con cui ancora una volta il trio reinterpreta brani 'non ortodossi' rispetto al repertorio jazzistico (non conosco questo lavoro ma ho amato i loro lavori precedenti!).

Continua intanto la stagione (la XIV!) del Pinocchio Jazz al circolo Vie Nuove di viale Giannotti che propone il 9 febbraio il George Garzone Trio con uno dei più famosi sax tenore contemporanei, George Garzone accompagnato da Paolino Dalla Porta al contrabbasso e Manu Roche alla batteria; il 16 febbraio il Tricycles del sassofonista italiano Maurizio Giammarco, in bilico tra jazz ed elettronica; il 23 le voci sarde delle Balentes che omaggiano il loro conterraneo Andrea Parodi riarrangiando il suo repertorio per il "canto a tenores".

Continua anche il Girone Jazz al circolo il Girone di Fiesole: il 5 febbraio, Mirko Guerrini e Marco Fadda presentano l'anteprima di “Lo strano caso del cammello in avaria”. Il cammello simboleggia la tradizione, l'aereo l'avanguardia: il punto d'incontro, se esiste, è spiegabile solo attraverso la musica, grazie alla sua dimensione onirico-sensibile. Il 12 febbraio la contrabbassista Silvia Bolognesi (una delle poche contrabbassiste del jazz italiano e non solo) presenta “What was I saying”, ispirato dalla figura di Charles Mingus. Il 19 febbraio suonerà il duo Elettroswing ( Francesco Canavese e Stefano Rapicavoli) che gioca sull'interazione tra elettronica e musica. Il Girone Jazz si concluderà il 26 febbraio, con l'esibizione del Barbara Casini Trio che interpreterà brani, tanto preziosi quanto sconosciuti, appartenenti al repertorio di Gilberto Gil.

A febbraio cade anche il primo concerto della rassegna Metastasio Jazz 2008, con la Parco Della Musica Jazz Orchestra (già di per sé garanzia di grande musica) diretta da uno dei più famosi rinnovatori della musica per orchestra jazz dagli anni '50, Bill Hollman, che torna in Italia dopo quasi 50 anni!

Ultima segnalazione per chi ha voglia di spingersi fin laggiù per "Lucca Jazz Donna 2008": il concerto principale di questa edizione è quello della violinista d’eccezione Regina Carter che si esibirà domenica 24 febbraio al teatro San Girolamo.

Buone note a tutti! :)

che dire Martin.. complimenti! completo, esaustivo, corretto. Grazie a nome di tutti i miei lettori!

9 commenti:

  1. Scusa Sabino non avevo visto che mi avevi chiesto del costo dell'operazione Filipepe: allora 2 antipasti di pesce, 2 secondi di pesce, 2 dolci, 2 caffè + acqua e un discreto vinello bianco, 100 euri tondi tondi. Ma ripeto è favoloso e tutto sommato non carissimo. Mi aspettavo di peggio per il prezzo. Ciao

    RispondiElimina
  2. grazie jolina anche da parte mia.

    RispondiElimina
  3. non dimentichiamoci del contributo di Sabino riguardo al metastasio
    sennò pare sia tutte merito di 'sto martin
    ;-P

    RispondiElimina
  4. mbeh un centone senza primo piatto proprio non carissimo non direi
    ma tant'è, a Firenze ....

    RispondiElimina
  5. regina carter meriterebbe ....

    RispondiElimina
  6. Grazie a Martin per lo splendido post! ho già comprato il biglietto per il 28 a Poggibonsi... in realtà preferivo il concerto del 22 a Vicchio, ma ho già un altro impegno. Un grazie anche a Sabino per il Metastasio, spero che questo post diventi un appuntamento mensile ;)

    RispondiElimina
  7. le serate al Privè ilvenerdì sera sono ganze tutti gli artisti possono esibirsi in performance elive e mostrare le loro qualità

    RispondiElimina
  8. Cara mia coinquilina, nonchè super esperta di blog che m'insegna i trucchi del mestiere, hai dimenticato il concerto ELETTROSWING basato sull'esplorazione del suono vocale e strumentale attraverso l'elettronica.. purtroppo l'hanno già fatto... Titta Nesti the voice (nonchè mia splendida insegnante di canto) S.Rapicavoli alla batteria, F.Canavese alla chitarra elettronica e P.Leveratto al contrabbasso. E'stato semplicemente stupendo!!! fadoportoghese.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. Errata corrige l'hai segnalato!! Non ti sfugge nulla!

    RispondiElimina

Qualsiasi commento è benvenuto :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...