Pubblicità

mercoledì 10 settembre 2008

Ristorante Sabatino a San Frediano

Visto che all'inaugurazione del Nanamuta non avevamo mangiato, siamo andati in cerca di un ristorante toscano che non costasse troppo.

Non so chi (eravamo in 5) ha fatto il nome di Sabatino, proprio accanto alla Porta di San Frediano. Erano anni che non ci tornavo, chissà perchè. Il posto è ottimo e soprattutto veramente economico!
E' un po' imbucato, ma se l'insegna gialla è accesa, si vede bene, sulla sinistra della porta.
I prezzi sono davvero bassi: i primi dai 2.80 ai 3.70 euro, i secondi sui 5 euro, i contorni 2.40, il coperto 1.35. C'è da dire che è una cucina molto semplice, casalinga.


I primi sono il riso in brodo, i tortellini o gli spaghetti al sugo o al pomodoro. Nei secondi invece pollo ripieno, o arrosto, salsicce con fagioli all'uccelletto, arista al forno, prosciutto di maiale al forno, e rosbif con patate (giuro che è scritto così!) e poi ancora bistecchine ai ferri. E una versione small della bistecca alla fiorentina (povero Glock si è dovuto accontentare di 700 g di bistecca). Nei contorni insalata, pomodori, cetrioli conditi, cavolo crudo. Ci sono anche in formaggi: lo stracchino, il gorgonzola, la mozzarella, il pecorino. Sembra proprio di mangiare a casa della nonna!
Come dolce un'ottima schiacciata con l'uva che pero' loro chiamano dolce all'uva perchè non è fatto con il pane.
Servizio cortese (la bella cameriera è anche molto simpatica) e rapido.
La cucina chiude alle 22.
Trattoria Sabatino dal 1956 Via Pisana 2r Firenze tel. 055-225955
chiuso sabato e domenica

Dopo cena un salto al Dolcevita a brindare per il compleanno del Glock davanti a una bottiglia di champagne (generosamente offerta). In attesa di sapere se sopravviveremo tutti all'esperimento del buco nero...
Un grazie ai miei compagni di tavolo per la splendida serata!

52 commenti:

  1. una domanda. perchè uno dovrebbe buttare denaro per andare a mangiare in un posto come questo? nemmeno a casa mia le cucino queste cose e pago qualcuno per farmele...? bah

    RispondiElimina
  2. Ancora con questa storia del buco nero?
    Per dovere di cronaca un buco nero è già stato creato accidentalmente durante un esperimento sempre al CERN ma è evaporato in pochi secondi.
    Questo perchè se son piccoli non accumulano abbastanza energia per sopravvivere, e le energie in ballo nell'esperimento previsto non sono sufficenti a creare buchi neri in grado di sopravvivere per più di qualche secondo.
    Tranquilli........

    RispondiElimina
  3. @komu
    sai a volte c'è la convivialità e non solo il mangiare...a volte lo si fa per stare in compagnia....e non avevamo voglia di spendere molto ieri sera.

    RispondiElimina
  4. O komu e allora perchè devo spendere 8 euro per andare a prendere un negroni al dolce vita, quando con 1/3 di gin, 1/3 di Vermouth Rosso, 1/3 di Bitter Campari e una fettina d'arancia me lo faccio a casa mia?
    Filippo

    RispondiElimina
  5. Clap clap per Lore e Filippo...la serata é stata molto bella e divertente e siamo stati tutti molto bene. C'é qualcosa OLTRE il cibo cioé lo stare insieme e bene e mi sembra che di questi tempi ce n'é veramente bisogno...

    RispondiElimina
  6. komu forse perchè:
    1- non sono soldi buttati, visto che si mangia molto bene e si spende poco.
    2- a volte si va a cena fuori anche per compagnia e non sempre possiamo spendere 100 euro per una cena.
    3- in casa mia non si cucina toscano ma a me piace la cucina toscana. e ti garantisco che la schiacciata con l'uva da sola merita!! per non parlare del pollo, un vero ottimo pollo arrosto.

    quoto gli altri (bravo filippo)
    e a juri dico: ero ironica :) anche io penso che non esploderemo oggi, ma visto che i media ci davano messaggi come fosse in arrivo the day after...

    RispondiElimina
  7. e allora perchè non vi trovate a casa di qualcuno? spendete meno mangiate meglio ad esempio.
    non bisogna spendere molto per mangiare bene (lo so che a firenze è più difficile che in altre Città ma il magazzino di piazza della passera ne è un esempio)
    ma che ci troverete mai in questa schiacciata...con tutti i semini poi! bah
    addirittura un pollo arrosto??!!! ehi papà guarda...un pollo!

    RispondiElimina
  8. Sabatino a Firenze è un'istituzione. Uno dei pochi posti dove ancora si può mangiare senza farsi prendere per i fondelli. Uno dei pochi angoli dove ancora c'è ancora un po' della vecchia città.

    RispondiElimina
  9. @komu
    quando ho letto il menu di Sabatino non m'è venuta l'acquolina in bocca ma almeno i prezzi sono ragionevoli e tutti ci dicono che hanno mangiato bene (e il pollo arrosto perché no?). ora mi sembra che tu voglia far polemica a tutti i costi...se una mezza dozzina di persone decidono all'improvviso di cenare insieme senza particolari pretese gastronomiche mi sembra ragionevole che vadano in una trattoria come Sabatino. le cene a casa sono onerose (per il padrone di casa - anche solo per la fatica di preparare e mettere a posto) e, soprattutto, devono essere organizzate!
    topo

    RispondiElimina
  10. Pochi metri prima, sulla stesso lato di via pisana, c'è il sanfrediavino. Pochissimi tavoli, ma ne vale la pena.

    RispondiElimina
  11. I semini della schiacciata con l'uva? E' "i' su' bello!"...W la schiacciata con l'uva! e w anche il pollo arrosto!!!! E soprattutto evviva la compagnia...perchè puoi andare anche nel posto più fico e caro in assoluto...ma se la compagnia non è quella giusta ti va tutto di traverso!

    RispondiElimina
  12. Una domanda: ma hanno una carta dei vini anche minima? Se c'è una cosa che non sopporto (e non prendo mai) è il "vino della casa".

    RispondiElimina
  13. Juri, i buchi neri al Cern si formano accidentalmente da anni in seguito alle collisioni ad altissima energia. Come hai detto tu, giustamente, evaporano all'istante e nessuno se ne cura più.

    Ovviamente ciò è ignoto da anni al avasto pubblico, al fine di evitare scleri generalizzati e fobie collettive.

    Per non parlare delle scorte di antimateria.....

    Saluti

    RispondiElimina
  14. IO INVECE SONO INTERESSATA A QUESTO SABATINO... SCUSATE IL MENU' E' SOLO QUELLO SCRITTO OPPURE C'E' ANCHE ALTRA ROBA NON MENZIONATA?

    RispondiElimina
  15. Scusate ragazzi ma avrei bisogno di vare alcune informazioni su Chiarantini in Viale Matteotti..chi mi può aiutare??

    RispondiElimina
  16. questo posto non lo conoscevo proprio, devo ringraziarvi per la segnalazione. Non capisco il disappunto di Komu sul menu.a me piace mangiare semplice,toscano e se in più si paga poco,perchè no?e soprattutto se le preparazioni sono ben riuscite!grazie davvero a tutti
    julilla

    RispondiElimina
  17. per komu:
    tu dici "e allora perchè non vi trovate a casa di qualcuno? spendete meno mangiate meglio ad esempio."
    in parte ti risponde giustamente topo, perchè:
    - le cene a casa sono onerose per il padrone di casa (che fai inviti persone a casa tua e li fai pagare? mmm no io non l'ho mai fatto)
    - le cene a casa vanno organizzate prima (spesso queste serate nascono per caso, io Laura l'ho conosciuta 1 ora prima!) e necessitano di tempo per rigovernare dopo
    - le cene a casa presuppongono tu abbia una casa spaziosa per ospitare persone e magari non a san casciano...

    con questi discorsi mi sembri sabino!!

    per il pollo: io adoro il pollo, ma se penso all'ultima volta che me lo sono cucinata... cucinarsi 1 pollo per se soli è triste. e quando lo mangio a pranzo non è il massimo, quello di ieri che costava solo 4 euro era ottimo. croccante, tenero, ben cotto.

    cmq siete buffi: le murate no perchè costa caro, sabatino che costa poco, no perchè ha poca scelta.

    qual'è il punto di rottura? :-)

    per anonimo: no, il menu è tutto li.. ogni tanto c'è qualche extra, ma poco più.

    e cmq sempre meglio 1 pollo con chianti che 1 mojito con tartine (e detto da me...)

    per rcl: si, hanno una vaga lista dei vini. sono stata da sanfrediavino, ottimo ma... un po' più caro e molto lento. ma il posto è delizioso.

    RispondiElimina
  18. Non c'entra nulla coi ristoranti.

    Ma la differenza fra oltrarno e diladdarno qual'è, secondo me sono la stessa cosa. Rispetto al centro dovrebbe essere la parte sx.dall'arno. o no.

    RispondiElimina
  19. ultima cosa. io non ordino mai e non compro mai la schiacciata con l'uva. mi danno noia i semi e spesso non è granchè.
    ieri la cameriera me l'ha così decantata che l'ho provata.

    mi sono ricreduta. un dolce notevole.

    RispondiElimina
  20. @ANONIMO:NON C'e'DIFFERENZA

    Nelli, ho letto una locandina che domenica 14 c'è in bici da Ponte Santa trinita a ponte a Signa!!
    Se ti può interessare visto la bici nuova!!!!
    Salutoni

    RispondiElimina
  21. cit: con questi discorsi mi sembri sabino!!

    Sabino uber alles

    Sabino, anche se non lo conosco, mi sembra sempre molto ironico e credo polemizzi perché si diverte. Ed è divertente.

    Da Sabatino si mangia come negli anni settanta, stessi cibi, stessa atmosfera, stessi avventori. Magari a qualcuno piace fare quest'esperienza ogni tanto...non ci trovo niente di strano o criticabile :-)

    RispondiElimina
  22. Io penso che il bello sia andare a mangiare fuori. Quando ero piccola era un premio, se prendevo un bel voto a scuola, era un'occasione speciale, era una bella cosa da fare se si era felici! Non importava dove si andava, spesso era il risotrante sotto casa (ce n'erano tanti, un tempo) dove si mangiavano le stesse cose che si mangiavano a casa (io prendevo sempre la minestra in brodo e il pollo arrosto, per l'appunto)però era tutta un'altra cosa. Adesso è tutto molto cambiato, deve essere tutto speciale, nuovo, diverso, pirotecnico. Non so, ma per me, anche adesso, mangiare fuori con amici o con famiglia è una festa e poco importa dove vai. Per inciso, è difficilissimo oggi giorno trovare un buon pollo arrosto.
    @ anonimo Chiarantini è un bar, alimentari e snack bar in Viale Matteotti, buona qualità, prezzi medio-alti.
    Ciao a tutti
    Silvia

    RispondiElimina
  23. In più, scusate, ma é stato bello mangiare tra italiani, anzi fiorentini, con tavolate di persone che secondo me erano della zona, con i vecchietti che pasteggiavano con un bicchiere di vino di fronte a loro.
    E' stato bello, ripeto, essere serviti da una ragazza fiorentina e non straniera, sorridente, pronta alla battuta e che non ti sbatteva il piatto sul tavolo!
    Io, che per motivi di lavoro, mi trovo sempre a mangiare in ristoranti super turistici dal nome sì, fiorentino o italiano, ma dalla gestione tutt'altro che...mi son sentita a casa propria, almeno per una sera e con una compagnia 10 e lode!

    RispondiElimina
  24. non solo,un ristorante è il posto ideale per persone che si conoscono poco o nulla, svincola molto di più le persone.si decide quanto restare,si paga e si va via quando lo si desidera. il pollo,come dice nelli,non solo è triste mangiato in solitudine, ma appesta vestiti e casa a sufficienza per evitare il bis per lungo tempo,almeno nel mio caso.
    e comunque ad ognuno le sue scelte,basta rispettare quelle altrui.
    julilla

    RispondiElimina
  25. Sono d'accordo sulla storia del mangiar fuori: una bella tavola, anche piccola, ma con persone piacevoli e una bella bottiglia, è ancora il modo migliore che preferisco per passare una serata fuori casa. Lontano da questi finti aperitivi...

    Non sono invece d'accordo sul pollo mangiato da soli. Quando ero single, il galletto o il mezzo polo arrosto con le patate, era una cosa che mi cucinavo abbastanza spesso. Forno a 200 gradi, una bella teglia piena di patate tagliate a tocchetti, quattro spicchi d'aglio non sbucciato nei quattro angoli, una bella spruzzata d'olio e via con i primi 50 minuti. Poi si tira fuori la teglia, si girano le patate e si mette nel mezzo il pollo. Altri 45 - 50 minuti durante i quali si apre un bel rosso, e la voglia di pollo passa anche a casa :-).
    L'importante è apparecchiarsi sempre la tavola, magari con due bicchieri, anche se si è da soli. Occorre sempre volersi bene.

    RispondiElimina
  26. ma allora anche un luogo caratteristico come mario,dove fanno la ciccia rifatta al sugo?questi non sono porcai,è storia fiorentina!che sia un pollo arrosto,una fettina fritta e ripassata nel pomodoro,che origini devono avere per essere considerati buon cibo anzichè "bah!"?un cibo fonde ricordi di infanzia, legame con la storia della propria città (io amo di fegato,firenze), gusto, condivisione..che sia un filetto,una fetta di pane abbrustolita,che cambia,se non l'amore che ci viene messo,il valore di proporre una cucina autentica,con radici solide?andare da Mario (uno dei pochi posti davvero rimasti autentici,a firenze)ti fa sentire parte di un posto,un nucleo. Ti accontenti di chi ti siede vicino, apprezzi il vociare che viene dalla cucina,chiasso vero,genuino. E ridi quando un giapponese mima al cameriere con le mani una bottiglia da un "litlo" di vino e lui scoppia in un "un litro??eh, un litro è "a lot"!!" poi si gira verso di te e ti dice "tu li vedi questi qui quando escono,un sono abituati mica!". non puoi prenotare,se vuoi star comodino vai altrove.aperto solo a pranzo non per capriccio,ma per rispettare la storia delle osterie,che prima erano popolate solo a pranzo,da gente che era abituata al cibo di casa e, quindi loro riproponevano questo. siamo troppo inquinati dall'idea che cibo fuori casa significhi cibo diverso,sofisticato,alla moda (infatti a firenze è tutto un chiudere e riaprire locali per cambiare formule). Può essere anche questo,ad ognuno il suo.
    Giulia

    RispondiElimina
  27. @giulia: mitico Mario. Solo che è come da Burde: ogni volta, faccio il chilo :-)

    RispondiElimina
  28. rcl è vero,però che commozione andarci:) non scherzo quando dico che mio marito in mezzo a quel clima ed a quei piatti si è commosso alle lacrime.
    Da burde è una vita che non ci vado ma se mi dici così vuol dire che continua a mietere pancioni ma anche buon cibo:)
    Giulia

    RispondiElimina
  29. io da sabatino ci sono andato e non ci tornerò mai più (errare è umano ma perseverare....)

    il conto non è salato ma alla mensa delle elementari si mangiava meglio!

    Ci andai con un collega di Milano, seguendo il consiglio di un mio carissimo amico "vai là che si mangia benissimo e non si spende nulla! l'é come le trattorie di una volta!"
    Dopo il primo lasciato tutto nel piatto abbiamo visto il secondo e siamo SCAPPATI! PESSIMO.

    e poi non so quale valore aggiunto sia avere intorno solo persone autoctone... il bello di firenze è che si può socializzare con persone di tutto il mondo!
    perché dovrei aver voglia di stare solo con fiorentini?

    Per stare in compagnia e spendere poco (ma mangiando almeno DECENTEMENTE) ci sono molti altri posti...

    RispondiElimina
  30. i commenti più affettuosi sono sempre anonimi eh?
    cmq libera scelta :)

    RispondiElimina
  31. quello che ieri sera ha consigliato Sab(at)ino10 settembre 2008 22:17

    grazie annika
    Faccio subito il bonifico
    :-)

    RispondiElimina
  32. ...facile fare pessimi commenti e rimanere anonimi....

    x l'anonimo:
    ....se in "trattoria"cerchi il cameriere vestito da pinguino che ti riempie il bicchiere e sembra la tua ombra.....hai soltanto "padellato" il posto!

    se poi cerchi caviale ed ostriche in trattoria....hai soltanto "padellato" il posto,
    c'è scritto trattoria....lo spirito di quando ci si siede molto spesso conta più di quel che si mangia...quelli che mangiano con gli occhi hanno bisogno dell'insalate confezionate(belle a vedersi ma......solitamente queste piacciono molto a quelli che mangiano "decentemente")

    grande Nelli come sempre!
    Claire

    RispondiElimina
  33. non ce l'ho con i poveri polli ma con gli allevatori! sapete cosa vuol dire mangiare un pollo oggigiorno? io mangio pollo 1 volta al mese quando compro quello del valdarno, lo seziono io e vedo quello che mangia, mangiare quelli del supermercato vuol dire avvelenarsi.
    poi si parla di osteria tipica dove si mangia il cibo fiorentino...
    non mi pare che la schiacciata all'uva sia quella raffigurata nella foto della serata (come giustamente faceva notare nelli)
    e poi non confondiamo semplicità con bontà, io sono per la semplificazione nel progetto, ma non si può fare cose semplici tutta la vita...
    per il resto: viva Mario e viva Burde loro si che fanno la storia di una città!

    RispondiElimina
  34. I polli di solito sono quelle galline che per circa 18 mesi vivono in gabbie nei capannoni in uno spazio piccolo come una scatola da scarpe, senza possibilità di movimento con la luce sempre accesa e con obbligo di fare non so quante uova al giorno,(come fanno non lo so, visto che in natura la gallina ne fa uno se va bene) dopodichè quando sono state spremute ben bene le portano in tavola.
    Le uova di queste galline hanno nel timbro come primo numero il 3.

    Eppoi sapete che i maiali sono costretti in degli spazi così piccoli, che non possono muoversi, sempre in piedi e in discesa, praticamente con la parte posteriore più in basso così i prosciutti diventano più saporiti.

    Che dire.

    RispondiElimina
  35. passi per gli animali segregati ed hai ragione....comunque visto che parli di "uova di galline genuine" , quelle che il contadino trova sparse nel campo....beh ti consiglio di non mangiarle, sai un cavolo se son della mattina o del giorno prima o di due giorni prima e magari sono state anche al sole.....però il timbro inizia con 1....

    RispondiElimina
  36. ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh non avevo visto le tovaglie di plastica!!!!!!!!!!!!!!!!! ma dove siamo???!!! mamma mia, credevo di essere stato un po' troppo ca_ac_z_o e invece mi rendo conto di non esserlo stato sufficientemente

    RispondiElimina
  37. Komu se avevi motivato prima il disappunto sul pollo,un pò più di chiarezza avrebbe evitato questo casino,comunque dissento lo stesso perchè il pollo che è allevato così,come pure il vitello che per farci la carne bianca viene tenuto in gabbie minuscole e senza luce e che la povera creatura lecca il ferro delle sbarre per procurarsi un pò di ferro (visto che curano la sua dieta privandolo proprio di quel minerale per far diventare candida la carne)?e delle oche che vengono meccanicamente ingozzate fin quasi a fargli scoppiare il fegato per mangiarci quella che viene considerata un boccon divino,fra l'altro costosissimo?non vedo perchè uno non possa ripetere i piatti di sempre,se sono buoni.chi fa il ristorante innovativo, fusion,chi resta sul tradizionale (ed io lo preferisco. il pollo mi sembra il meno,se vogliamo evitare la cruenza ed la sofferenza degli animali procuriamoci un campo e cresciamoli,curando noi stessi la sua uccisione,sennò smettiamola di fare ipocrisia su quali bestie meritino pi attenzioni di altre prima di morire.Ripeto che mangiare in un posto tradizionale o qualsiasi altro genere di importazione,fa lo stesso,basta non sputare sulle scelte altrui,e tutti sono contenti.
    giulia

    RispondiElimina
  38. non sono un animalista non ne ho mai fatto una questione di rispetto degli animali in primis (anche se viene di conseguenza) ho sempre e solo parlato di materie prime BUONE, GIUSTE E PULITE (a qualcuno queste parole non suoneranno nuove)di conseguenza io un un luogo dove non esiste cura per il cliente (tovaglie), non si rispetta la tradizione (schiacciata) ma si punta esclusivamente al fattore economico senza prendere minimamente in considerazione la qualità dei prodotti io non ci metto piede. E non è questione di sputare sulle scelte altrui ma sto cercando di far capire che le scelte andrebbero fatte tenendo conto e valutando più aspetti di quello che si tende a fare oggigiorno

    RispondiElimina
  39. Komu mi pare che la tua sia esclusivamente voglia di fare polemica a prescindere...prima infami la schiacciata e il pollo:

    "ma che ci troverete mai in questa schiacciata...con tutti i semini poi! bah
    addirittura un pollo arrosto??!!! ehi papà guarda...un pollo!"

    e poi ci vieni a parlare di rispetto della tradizione, di come dev'essere fatta la schiacciata e di polli del valdarno...sinceramente non riesco a capire dove si vuole andare a parare.
    Saluti

    Filippo

    RispondiElimina
  40. e va bene in questo komu hai ragione,il centro del problema adesso l'ho meglio compreso.però la qualità spesso non corrisponde ad un prezzo più alto.Per esempio sono ostile a chi come il cibreo mi propina le frattaglie (dico,le frattaglie) di pollo a 12 euro!!!e solo perchè ha avuto l'idea di riproporre piatti poveri riportando allo splendore ricette esistenti da tempo immemorabile.Ottimo affarista,ma non mi frega facendo merletti con le parole,come quando decanta la semplicità e la qualità dei piatti semplici.se veramente ami quello che fai,lo vorresti anche condividere,con onestà!la qualità,quella vera,spesso è difficile da ricercare anche nei ristoranti più blasonati,sono felice che anche per te burde e mario siano un istituzione perchè lo sono davvero.
    giulia

    ps sono daccordo su tovaglia di plastica e torta di uva. hanno poco a che fare con la genuinità e la tradizione toscana. la schiacciata non piace a tutti perchè è meno turistica,troppo poco dolce e povera negli ingredienti,difficile da classificare nei dolci quindi anche molti forni fiorentini preferiscono proporre la torta!!provate ad andare a vedere!

    RispondiElimina
  41. Giulia perfettamente d'accordo con la tua analisi io il Picchi lo brucerei, e potrei aggiungere prezzi alti = non è garantita l'alta qualità, prezzi molto bassi (soprattutto a Firenze) = sicuramente scarsa qualità

    RispondiElimina
  42. No, il timbro che inizia per 0 sono uova da agricoltura biologica, per 1 da allevamento all'aperto, per 2 a terra per 3 in GABBIA. Tanto per essere precisi.

    RispondiElimina
  43. komu, spesso mi sono trovata d'accordo con te ma ora ripeto che vuoi fare polemica a tutti i costi...
    le tovaglie di plastica ti fanno orrore? hai ragione, non belle, ma li hai visti i prezzi di sabatino??? vorresti la fiandra e gli argenti per quelle cifre?
    ma se a volte si pagano 2 euro o più per un coperto costituito dalla tovaglietta di carta!
    non andare da sabatino se ti fa orrore (forse non ci andrò neanch'io...chissà) ma almeno comprendi che è un posto onesto. tutto qui.
    topo

    RispondiElimina
  44. no! meglio le tovagliette di carta gialla delle tovaglie di plastica.
    non ho mai chiesto il top ma il minimo, un bella, economica, classica, tradizionale, tovaglia di cotone a quadratini bianchi e rossi!
    purtroppo sono i dettagli (a dir la verità nemmeno troppo dettagli) che fanno la differenza, e un ristoratore che non fa un investimento di poche centinaia di euro per comprare delle tovaglie decenti dal mio punto di vista non merita nemmeno l'ombra di un cliente!

    RispondiElimina
  45. quello che ha consigliato Sab(at)ino11 settembre 2008 20:12

    a) io picchi non lo brucerei, secondo me di sera a Firenze il cibreino è il miglior rapporto qualità/prezzo
    b) per quello che si paga secondo me Sabatino è corretto (forse komu non sa - o si? - che di mercoledì sera sia Burde che Mario sono chiusi)
    C) una volta andai al magazzino e mai più ci tornerò
    Della serie il mondo è bello perchè vario . . .

    RispondiElimina
  46. quando capirò perchè a Firenze i ristoranti migliori la sera e la domenica sono chiuso probabilmente sarà troppo tardi...al Magazzino i tortelli di lampredotto sono grandiosi

    RispondiElimina
  47. w il pollo! w sab(at)ino!

    RispondiElimina
  48. Il mondo è veramente bello perché vario. Ma non sopporto le persone che dicono male di una cosa per partito preso. Komu poteva dire: "Io non ci andrei per questi motivi" ma non può trattare gli altri come stupidi per averlo fatto.
    Conosco questo posto da più di 20 anni e TUTTE le persone che vanno lì lo fanno per l'atmosfera familiare e non per il cibo. Io personalmente, quando lavoravo in Via S.Spirito sono andato a mangiare tutti i giorni per alcuni anni ed ero felice di salutare tutti i "personaggi" Sanfredianini che vi bazzicavano e di essere considerato uno di loro. Sono amico dei proprietari ed ho visto crescere le loro figlie che ora lavorano lì. Non potete immaginare le storie che ho vissuto dentro a quel locale e quante amenità di quartiere avrei da raccontare.
    E tu Kamu non hai nemmeno la più pallida idea di cosa ti sei umanamente perso. Comunque vai pure per la tua strada snob che io vado per la mia lastricata di umanità.

    RispondiElimina
  49. Giueeeeee che mega polemica!
    non succede spesso sul sito della Nelli, ganzo però dai è giusto che ci siano anche pareri contrari, anche se l'anonimato mi sta antepatico come sistema.
    Il mondo è bello perchè vario, e menomale sennò s'andrebbe tutti nei soliti posti.

    Io ADORO i posti così, da andare ogni tanto perchè giustamente mangiare cose che posso mangiare quando vado dai miei mi va solo a volte, però menomale esistono!
    Da Sabatino ci sono stata diverse volte e sempre benissimo.
    Ma da Mario ragazzi lo batte ancora di più! Mitico, mi son buttata via dal ridere.

    Per quanto riguarda l'anonimo che diceva "che gusto c'è a mangiare con soli fiorentini" io gni dico: e un ti basta già a averli sempre tra i piedi sti turisti dalla mattina alla sera tutto l'annooooo???? affettuosamente eh, ci danno anche il pane sti turisti, ma insomma cambiano anche le abitudini dei ristoratori, che sono obbligati a fare dei cambiamenti in nome dei "loro" gusti, quasi sempre obbrobri contro la nostra tradizione

    RispondiElimina
  50. accipicchia che polverone hai sollevato komu!! eh eh

    dalle discussioni filo animaliste (che rispetto, ma occhio a quando tirare in ballo certi argomenti), alla qualità degli ingredienti, al rapporto qualità prezzo, all'avere intorno fiorentini o turisti (elisa la tua risposta mi ha fatto troppo ridere!).

    non condivido l'uso di komu di certe espressioni (molto forti) e parte dei suoi giudizi, ma sono contenta della discussione che ne è venuta fuori, molto articolata, nella quale ognuno - per ora abbastanza civilmente - espone le sue idee. come dice Giulia: sono scelte.

    se a komu non piace il povero sabatino, non ci andrà.
    io ci tornero' e lo consigliero'.

    del resto quello che lui dice di Sabatino, altri me lo hanno riferito di Mario.
    è tutto talmente soggettivo..

    credo che il pollo che mangi alle murate (ricordate la cena da 100 euro) scatenerebbe un'analoga discussione ma per certi versi opposta.

    vi lascio libertà, cercate solo di non cedere alle offese. e di evitare l'anonimato.
    è bello imparare a conoscersi.

    anche quelli più fumini se non esagerano sono i benvenuti!!!

    RispondiElimina
  51. Boia che storia!!!e che polemica....
    per me viva SABATINO e tanti auguri ad Ilaria e Massimo(i proprietari) a cui è nata un'altra bimba!!!
    Auguri ragazzi e adesso...forza per la terza!!!;-)
    Comunque...da Sabatino si mangia bene, si spende poco e si rivive un'atmofera ormai perduta. E' un trattoria per i Fiorentini, mentre la maggior parte dei ristoranti nella nostra città sono studiati per i TURISTI e ti trattano da TURISTA, anche nel prezzo. Quindi...viva SABATINO, viva i BRIGANTI e tutte le vere trattorie rimaste a Florence.

    RispondiElimina
  52. grande anonimo... anche i Briganti sono uno dei posti da fiorentini doc. vero :)

    RispondiElimina

Qualsiasi commento è benvenuto :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...