Pubblicità

mercoledì 1 ottobre 2008

Ristorante Nana Muta (nuova gestione)

Ho ricevuto da parte di Sabino, di recente accusato da un lettore di andar a cena soltanto nelle bettole (oh mamma!) una recensione riguardo al nuovo ristorante Nanamuta, del quale avevamo visto l'inaugurazione. Lascio le parole a lui:

Sapendo della nuova gestione, avendo da portare un gruppo di amici a provare (come da richiesta specifica) un posto nuovo ho deciso di testare il Nana Muta.
Abbiamo avuto un bel tavolo tondo, centrale, che domina tutto il locale; la cucina è in prevalenza di ispirazione toscana con qualche pietanza di pesce (minoritaria).
I coccoli con lo stracchino ed il prosciutto erano buoni (e non ne sono avanzati), serviti graziosamente su un tagliere di legno. Io ho preso la trippa fritta con la salsa verde (volevo restar leggero!) che ho mangiato con piacere; al tavolo c'era anche chi ha scelto la marinata di salmone e branzino, molto apprezzata.
A seguire i primi piatti, si è spaziato anche qui: le mie pappardelle sulla nana erano proprio buone, fatte in casa; il risotto ai funghi porcini non male (io lo preferisco, questione di gusti, più 'al dente'); il chitarrone cacio e pepe è piaciuto ugualmente.
Per il secondo (la bistecca c'è, 45 euro/kg) non c'era posto (avevo pensato inizialmente al fritto misto alla toscana ma veramente non ce l'ho fatta) e quindi siamo passati al dolce: la creme brulè è stata promossa (al tavolo c'era una mia amica che la fa veramente ma veramente molto buona), il mio cheese-cake era buono (chi mi conosce sa qual'è il mio 'gold standard' del settore), il fondant au chocolat è stato anch'esso gradito.
La carta dei vini è limitata, prevalenza assoluta di vini toscani.
Antipasti sui 10 euro, con qualche fuga in alto (la mia trippa, ad esempio); primi sui 10 euro; secondi fino a 24 euro (il filetto), dei dolci non ricordo il prezzo (!).
Nonostante la recente (mia) bocciatura, promuoverei il ristorante, che peraltro (informatevi comunque) resta aperto fino a tardi (alle 23 hanno fatto accomodare e servito 4 clienti).

Grazie Sabino!

35 commenti:

  1. rispettiamo la grammatica!1 ottobre 2008 18:15

    Qual'è?? ahi ahi!! E il troncamento dove lo mettiamo?? ;-)

    RispondiElimina
  2. odio i taglieri di legno

    RispondiElimina
  3. frequentatore di bettole1 ottobre 2008 19:25

    questo è proprio un posto per me !!!

    RispondiElimina
  4. Sabino non ti vergogni hai mangiato al nanamuta dove vanno i pottini prima dello yab....

    RispondiElimina
  5. anonimo interrogantesi1 ottobre 2008 19:38

    ops
    mettetevi d'accordo
    sto sabino frequenta le bettole, è uno sborone che frequenta i posti dei pottini o magari è un avatar di second life in realtà se l'è inventato la nelli per far confusione su blogghe ???

    RispondiElimina
  6. anonimo sapiente1 ottobre 2008 21:34

    so solo che fa rima con tana

    RispondiElimina
  7. scusate, ma del ristorante Nove di Buti non dice nulla nessuno??? Qlc1 c'è stato=???

    RispondiElimina
  8. @anonimo
    vai sul quinto quarto di Leonardo Romanelli e troverai

    RispondiElimina
  9. sabino esiste eccome altro che avatar...e adoro il modo in cui recensisce i posti!

    RispondiElimina
  10. Abbondante il cacio e pepe....

    RispondiElimina
  11. Che vuoi pretendere dalla gestione Porfirio???
    >Mah...

    RispondiElimina
  12. la nana è l'anatra

    sabino esiste

    qual è si scrive senza apostrofo!

    per il Nove rimando al blog di Romanelli (che oggi non so perchè non si vede).

    RispondiElimina
  13. anonimo iettatore2 ottobre 2008 11:09

    è morto il blog di Romanelli ?

    RispondiElimina
  14. effettivamente era abbondante
    il più abbondante era il coccolo
    :-)

    RispondiElimina
  15. ma grazie SuperSimo per il tuo apprezzamento
    farà pari con qualche bocciatura che presto arriverà
    ;-)

    RispondiElimina
  16. prego DOC! io mi riferivo soprattutto al linguaggio mi piace chi usa le metafore :)

    RispondiElimina
  17. Scusa Sabino, quale sarebbe il tuo 'gold standard' del settore cheese cake?

    RispondiElimina
  18. C'è POLEMICA!!!!!!!!!!!!!!!!!!Sabino tutte le volte inneschi delle polemiche pazzesche!

    RispondiElimina
  19. anch'io vorrei sapere del cheese cake...

    RispondiElimina
  20. di quelli che ho provato io (quindi limitatamente alla mia esperienza mangereccia di grande frequentatore di bettole) il cheese cake del cibreo (che si può ordinare anche al bar) è uber alles
    (come qualcun altro per la pizza)
    eh eh eh

    RispondiElimina
  21. anonimo titubante2 ottobre 2008 13:24

    ma si può esser pottoni ma frequentar bettole ?
    ci sarà qualche clone aggiro ?

    RispondiElimina
  22. assolutamente i pottoni frequentatori di bettole sono i potta de potta!
    il cheese cake uber alles lo fa la mia collega francesca!

    RispondiElimina
  23. ragazzi...vummì fate morì dai ridere!

    RispondiElimina
  24. bono a sapessi per il cheese cake che è il mio docle preferito!! ma guardando il pizzaiuolo il cibreo dove si può ordinare al bar è quello sulla sinistra?

    RispondiElimina
  25. @Sabino: prova il cheese cake di Ringo's Bar in Borgo San Jacopo .... altro pianeta :-)

    RispondiElimina
  26. ring's bar è quello con scritto SLOW FOOD (non si sa per quale motivo) sulle vetrine, molto anni 70 ?
    andrò a provare

    RispondiElimina
  27. anonimo che esprime un parere2 ottobre 2008 19:40

    secondo me sto sabino è una specie di marchese del grillo che passa dalle bettole alle carbonare da 25 euri !!!

    RispondiElimina
  28. il cibreo bar è l'unico cibreo con i tavolini (fissi) all'esterno

    RispondiElimina
  29. "La disputa se si debba scrivere qual'è o qual è non è risolta né dalle grammatiche, né tanto meno dalla letteratura. Sono per l'apostrofo, fra gli altri, Federigo Tozzi, Mario Tobino, Tommaso Landolfi, Paolo Monelli, Bonaventura Tecchi. Non apostrofano invece Vasco Pratolini, Giuseppe Berto, Alberto Moravia, Goffredo Parise, Libero Bigiaretti."

    RispondiElimina
  30. @anonimo che esprime...
    grazie per avermi fatto rivedere un momento mitico di quel capolavoro!!!
    che piaccia o no...hai ragione sabino è sabino...
    topo

    RispondiElimina
  31. grande topo
    provvedo subito a bonificare
    :-)

    RispondiElimina
  32. anvedi
    invece di criticare la pappardella e/o la nana l'accademia della crusca on line colpisce duro
    grazie all'anonimo delle 1,15 am per l'appoggio sintattico/grammaticale
    ;-)

    RispondiElimina
  33. Accademia della crusca5 ottobre 2008 11:06

    L'esatta grafia di qual è non prevede l'apostrofo in quanto si tratta di un'apocope vocalica, che si produce anche davanti a consonante (qual buon vento vi porta?) e non di un'elisione che invece si produce soltanto prima di una vocale (e l'apostrofo è il segno grafico che resta proprio nel caso dell'elisione). Come qual ci sono altri aggettivi soggetti allo stesso trattamento: tal, buon, pover (solo nell'italiano antico), ecc. È vero che la grafia qual'è è diffusa e ricorrente anche nella stampa, ma per ora questo non è bastato a far cambiare la regola grafica che pertanto è consigliabile continuare a rispettare.

    RispondiElimina
  34. io, mi si consenta, continuo a schierarmi con
    Federigo Tozzi, Mario Tobino, Tommaso Landolfi, Paolo Monelli, Bonaventura Tecchi
    :-)

    RispondiElimina

Qualsiasi commento è benvenuto :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...