Pubblicità

martedì 20 gennaio 2009

Due recensioni di un lettore

Ho ricevuto tempo fa 2 recensioni di un lettore affezionato, Gianni, che ancora non avevo pubblicato, lo faccio ora.
Ovviamente - visto che molti me lo fanno notare - riporto opinioni di altre persone, che possono essere diverse dalle mie, nel bene o nel male. In particolare il primo di questi 2 ristoranti non l'ho provato personalmente e quindi non posso aggiungere nulla. Ringrazio Gianni per avermele inviate.

Trattoria da Giorgio
A Firenze, cenare con 12 euro prendendo primo e secondo (carne + contorno), con acqua, pane e vino, è cosa veramente rara, se non rarissima. Anzi, forse addirittura unica, soprattutto in centro. E' possibile riuscire nell'impresa recandosi alla trattoria Giorgio, in via Palazzuolo. La struttura dei prezzi è semplicissima: primo, secondo e contorno con un quartino di vino (o una bibita in lattina) costano 12 euro; rinunciando al vino o alla bibita si risparmiano 50 centesimi; a pranzo si risparmia un ulteriore euro. Si potrebbe pensare che il menù sia ristretto, il cibo cattivo, le porzioni scarse, il vino aspro. Niente di tutto questo: la scelta è ampia in tutte le sezioni del menù, i piatti sono preparati "come a casa", il vino non è cattivo (ho assaggiato di peggio in posti assai più costosi). Le porzioni dei primi sono abbondanti, i secondi "giusti".
Certo l'ambiente non è il massimo, anche se rivela una bizzarra pretenziosità con le pareti affrescate con temi classici. La televisione è su una mensola alta e sempre accesa; i tavoli sono vicinissimi e non è possibile prenotare. Ci siamo capitati una sera invernale di infrasettimana ed il locale era semivuoto, ma in altri periodi l'ho visto stra-pieno. I piatti sono quelli che si potrebbe mangiare a casa: l'impressione è che quelli più riusciti siano i più classici: meglio le penne all'arrabbiata dei pici all'agnello (ebbene sì...), meglio l'arrosto di vitella che non il controfiletto al pepe verde... Maggior pregio (oltre al prezzo): si mangia come a casa. Peggior difetto: si mangia come a casa. Insomma, è un posto adatto soprattutto a chi cerca una cucina genuina a prezzi bassi: ad esempio chi mangia spesso fuori casa per lavoro, oppure turisti che, magari, a fronte di in una permanenza in città di alcuni giorni solo una volta o due si possono permettere un vero ristorante.
Trattoria da Giorgio
indirizzo: Via Palazzuolo, 100/R; FIRENZE tel 055284302
Sito internet: http://www.trattoriadagiorgio.it

Osteria da Melo
Siamo stati da Melo e non so se ci torneremo. Iniziamo con il dire che si mangia molto bene: la qualità dei piatti, appartenenti alla cucina siciliana, è notevole anche se non ci è parsa poi così superlativa come avevamo sentito. Quello che ci ha lasciati un po' interdetti è la scarsità delle porzioni, che ha toccato il massimo con il piatto dei formaggi che conteneva 4 microscopici tocchetti di formaggio e due miseri sbuffetti di marmellata al prezzo di 9 euro. I piatti non costano cifre impressionanti, ma è indispensabile fare un pasto completo con antipasto, primo, secondo e dolce per levarsi la fame, e non doversi catapultare poi a farsi un panino al prosciutto alla vicina Bottega di Rosano (che pure non scherza, coi prezzi...). Questo porta il costo del pasto al di sopra dei 40 euro, e comunque a patto di accontarsi del vino della casa (che però è buono). L'ambiente è accogliente ma va detto che alcuni tavoli, tra cui il nostro, sono proprio di fronte alla porta di ingresso, che non ha anti-ingresso, ciò provoca poco gradevoli ventate di aria gelida ogni volta che qualcuno entra o esce dal locale. Visto che non siamo in una pizzeria da due soldi, la cosa mi pare poco perdonabile.

Da Melo
io ci sono stata e mi era piaciuto molto, non posso dire delle ventate fredde perchè ero in una saletta interna. Ma ricordo di aver mangiato bene e non aver speso tanto.
Leggi anche il post sulla mia recensione da Melo, quello di Sabino durante una cena slow food e quello di Chiara.

4 commenti:

  1. Io ho mangiato più di una volta da Melo, sempre in estate. All'aperto l'ambiente è estremamente piacevole, la cucina me la ricordo buona e francamente non ho trovato le porzioni minuscole... inoltre credo che le porzioni dei ristoranti dovrebbero consentire di prendere almeno 3 portate. Equo il rapporto qualità/prezzo.

    RispondiElimina
  2. Ciao, anch'io sono stata da Melo poco tempo fa. Ho mangiato benissimo e ho trovato buoni servizio e cortesia, ma effettivamente ho trovato le porzioni abbastanza esigue, soprattutto in rapporto al prezzo! Per quanto riguarda i dolci per me rimangono imbattibili quelli del siciliano Re Gelato!

    RispondiElimina
  3. In effetti è possibile dubitare della mia serenità di giudizio sulle porzioni (sono sovrappeso e discretamente vorace), ma anche anche la mia dolce metà le ha trovate piuttosto risicate. E lei in genere si sazia rapidamente.

    Giusto quello che dice Annika sulle tre porzioni. Ma con antipasti e primi sui 10 euro, secondi dai 15 in su, mi pare difficile stare sotto i 40 euro per un pasto. Non che ci sia nulla di male, il locale, IMHO, si colloca in una fascia di prezzio più alta della normale trattoria.

    RispondiElimina
  4. il Recensore, alias MontePulciano22 gennaio 2009 12:41

    mah
    non saprei che direi: tutte le volte che ci sono stato non posso dire di esser andato via con la voglia di andar a mangiare una pizza . . .
    a me le dosi son sembrate regolari
    :-)

    RispondiElimina

Qualsiasi commento è benvenuto :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...