Pubblicità

domenica 9 novembre 2008

O'Cafe un aperitivo di qualità

Ieri sera visto che alle 21 dovevo essere a Maiano per lo spettacolo, ho pensato di fare un salto all' O'cafe, il locale adiacente al Golden View inaugurato 1 anno fa, per provare l'aperitivo.
Superiore alle aspettative.
L'ambiente bello e la vista sublime sono elementi abbastanza immediati per chi entra. Quello che non mi aspettavo era il resto: cibo e cocktail di alta qualità.
tagliere di capriniIniziamo dal cibo: scordatevi vassoiate di pasta e cibo dozzinale. All' O'cafe trovate un buffet rifornito fino a tardi (verso le 22.30) con piatti espressi portati direttamente dalla cucina del ristorante. Pollo alla griglia su letto di insalata e pomodori, assaggi di tortelli, di zuppa, di polenta con formaggio, o di altre specialità in bicchierini monodose molto carini. Oppure vassoi come questo della foto con diversi tipi di formaggi e di caprini (ottimo quello al sesamo) accompagnati da marmellatine e mieli. Insomma puntano alla qualità più che alla quantità. Ma comunque con un occhio a non lasciarlo mai sguarnito. Cameriere delicate si muovono come ombre per sparecchiare i tavoli e rifornire il buffet.
cocktail con frutta frescaMa il pezzo forte sono i cocktail.
Un barman che ama il suo lavoro, Fabiano, prepara i cocktail "espressi", solo con frutta fresca e non con sciroppi: per fare un cocktail ci mette almeno 10 minuti e te lo serve su un piatto con frutta fresca o altre decorazioni (l'ideale anche per chi ama cocktail analcolici). Il drink dentro un bicchiere di Zafferano viene portato al tavolo con un vassoio che fa un certo effetto.
Ma se pensate che sia tutta scena vi sbagliate.



Ho preso un cocktail che si chiama O'mule a base di ginger (avete presente quello che si mangia al giapponese?), era buonissimo. Per leggere gli ingredienti ci ho messo un quarto d'ora: vodka Stolichnaya Elite, Ginger fresco, Rametto di menta, Jamaica Ginger.
La persona che era con me ha bevuto Abbrucia Martini: un cocktail a base di martini con peperoncino che oltre ai peperoncini aveva anche un petalo di rosa nel bicchiere! (gli ingredienti erano vodka Stolichnaya etichetta rossa, vodka aromatizzata al peperoncino tailandese, grani di pepe rosa, foglia di limone, peperoncino). Quelli a menù sono cocktail particolari, non adatti a chiunque, ma il barman è a disposizione per preparare anche i drink più classici, sempre serviti con riguardo (ad esempio il Cuba Libre ha il lime e la Coca Cola a parte rispetto al Rhum). E vi saprà anche consigliare (quello col peperoncino per esempio tende a sconsigliarlo se non si ama il Martini). Dopo un po' ho bevuto anche una Caipiroska al fico d'india. Particolare ma buona.
Insomma un posto per chi crede che l'aperitivo non sia solo abbuffarsi, ma cerca un ambiente bello, con cose di qualità e magari anche un posto per fare 2 chiacchere senza caos. Per chi da' importanza all'atmosfera, alla cura degli ingredienti, all'ambiente. Molto rilassante.
A volte mi chiedete posti romantici o da coppie, beh, nonostante la comitiva (di over 35) che c'era nella sala con vista su Ponte Vecchio, mi sento di consigliare questo locale a chi è in cerca di una serata speciale, potrei affermare che si candida ad essere il "miglior" aperitivo invernale di Firenze (per l'estate il mio cuore si divide fra Moba e Hotel Minerva). Costo dell'aperitivo: 15 euro. Se volete sedervi andateci prima delle 20, i tavoli non sono tanti.
Ultima cosa: mentre stavo per uscire ho incrociato i ragazzi di Firenzedabere, i miei "competitor": molto simpatici!

27 commenti:

  1. oddio 15 euro!!!???
    ma la nelli che criticava un aperitivo da 7/8 euro perchè troppo caro che fine ha fatto ???
    :-P

    RispondiElimina
  2. sabino stai diventando arteriosclerotico!
    :-P

    rileggiti i post su alcuni aperitivi che ho sempre detto di amare (moba e minerva) che costano ben oltre i 7 euro.

    non mi piace la mancanza di rapporto fra qualità e prezzo. ma non prendo certo posizioni assolute sui prezzi :-)

    RispondiElimina
  3. lo ero da tempo, cionostante ricordo bene le discussioni tra 6 o 8 euro (troppo caro quest'ultimo)
    :-P
    cmq
    un 15ello/persona per aperitivare (nel senso in cui lo vedo io, cioè mangiare qualche stuzzichino pre-cena, non come sostituto della cena) mi pare una somma discreta, forse esagerata, in genere . . .
    rimane il fatto che il posto merita, di sicuro per la posizione eccellente

    RispondiElimina
  4. ci sono passato varie volte davanti. Non ho mai capito quale sia il ristorante, qual'è l'O'Cafe, poi mi pare ci sia un terzo posto collegato. Boohhh,chiaritemi questo dubbio.

    RispondiElimina
  5. sono tre locali collegati, uno dei quali ristorante, o' cafè (vado a mente) è quello più "distante" dal ponte vecchio

    RispondiElimina
  6. Sono d'accordo con Sabino, 15 euro (soprattutto per uno spuntino leggero che poi ti richiede di fermarti in pizzeria dopo il teatro) sono un'esagerazione

    RispondiElimina
  7. scusate, ma dipende da cosa bevi.... il prezzo varia!
    Ottimo locale... ma non lo pubblicizzare troppo Nelli..... è bello anche perché non c'è la calca e puoi fare un aperitivo e 2 chiacchiere in tranquillità!

    RispondiElimina
  8. ma stiamo scherzando???

    non stiamo mica parlando di noccioline e patatine!

    ok puoi non amare gli aperitivi e preferire una normale cena. e questo lo rispetto.

    ma dirmi che per un cocktail fatto ad arte con frutta fresca, in un posto del genere (sul ponte vecchio), con un servizio di qualità (non da cameriere improvvisate) e con un buffet ricco (il fatto che io sia andata a cena a mezzanotte non implica che il buffet fosse scarso: forse mi ero tenuta leggera per lo spettacolo? o forse alle 19 non avevo tanta fame? o forse dopo lo spettacolo è prevalsa la gola?) per tutto questo dire che 15 euro sono troppe beh vuol dire non aver il senso della realtà.

    al contrario 8 euro per: un bicchiere di ghiaccio, vodka della coop e succo di frutta, a stento mescolato, accompagnato da pasta scotta e crostini mollicci possono essere tanti.

    è tutto relativo.

    si puo' non dare importanza agli aperitivi e decidere che nel proprio stile di vita non valga la pena spenderci dei soldi. questo ha un senso.
    ma da qui a sminuire la qualità ce ne corre. e dare giudizi assoluti a priori è senza senso.

    e' sempre il solito discorso: io posso non spendere in auto costose o vestiti fatti a mano, ma non posso certo dire che la maglia fatta a mano in cachemire sia un furto se paragonata alla finta lana dei maglioni cinesi (per fare un esempio).
    o che una ferrari sia uguale a una fiat panda. e non solo per il design e il marketing.

    usare ingredienti freschi di stagione e magari biologigi ha un costo diverso rispetto alla frutta sciroppata del supermercato.
    avere una selezione di caprini freschi è diverso dalla salsa al philadelphia di Kaori.
    un bicchiere di Zafferano costa di più di un bicchiere di plastica.

    non si vuole pagare queste cose perchè per il proprio metro di giudizio non hanno valore? non ci si va.
    ma non è assolutamente un furto. anzi..

    un furto è il prezzo dell'insalata in busta (tanto per usare un esempio di sabino) o il prezzo di un caffè rispetto al suo costo.
    :-)

    RispondiElimina
  9. Cara Nelly, per l'esattezza, il costo dell'aperitivo è 10 euro in piedi. Dai 12 ai 15 al tavolo, servizio incluso.
    Paolo Miano
    Buon Lavoro.

    RispondiElimina
  10. ah grazie, scusa per l'inesattezza. beh meglio cosi :)

    RispondiElimina
  11. ok nelli mi sa che non ci intendiamo. sono d'accordo con tutto quello che dici, infatti trovo che in alcuni posti, pur costando piu' dei "5-8 euro", si possa andare di tanto in tanto. Quando pero' si arriva a 15 (e dopo la precisazione di Paolo stiamo parlando di ipotesi, non del locale in questione) secondo me si va oltre a quello che è il vero costo delle materie + servizio, sia pur questo ottimo o addirittura impeccabile.
    Qua non si sta parlando di cachemere contro la lana del mercatino. Si sta parlando di lana del mercatino che venduta da un cameriere coi guanti dovrebbe valere di più, e se permetti nessun accostamento di superalcolici (comprati da un locale) può arrivare a costare piu' di 3-4 euro. Ergo 15 euro per un aperitivo - a mio avviso - sono un furto (nota che non sto dicendo che ogni tanto possa spenderceli, sto solo dicendo che sono un furto oggettivo, come pagare 80 euro la vodka di cavalli, per dire)

    RispondiElimina
  12. Uhm...questo cameriere deve essere davvero fico per farti parlare con questo fervore :)
    e lo dico perchè, delle poche volte che ci sono stata, ricordo infatti il calore del personale...

    RispondiElimina
  13. un conto pero' è il brand e il marketing (la vodka cavalli)
    un conto la qualità degli ingredienti, no?

    insomma io ho provato a comprare i pomodori e la frutta in offerta alla coop.
    e poi invece li ho presi dal fruttivendolo bio di fiducia che me li fa pagare oro.
    c'è un abisso nella bontà. i primi spesso sono immangiabili.

    allo stesso modo una caipiroska alla fragola fatta con lo sciroppo sarà diversa da una fatta con vere fragole tritate.

    cio' non toglie che il servizio e l'ambiente incidano sul prezzo (e questo è normale).
    ma gli esperti di alcolici mi confermano che c'è differenza fra una vodka da 3-5 euro che compri alla LIDL e quella di certe marche.
    io non sono un'intenditrice ma visto che amo il MOJITO vedo la differenza sul rhum: certi sanno "di medicina" altri invece sono buoni e lasciano un buon sapore in bocca.

    cmq non volevo passare come paladina di questo posto. scusami Kali se ho risposto con fervore.

    ma ci tenevo a difendere una scelta "forte": è più facile fare un prezzo omologato agli altri e prodotti di qualità scadente che non cercare la differenza, ben sapendo che questo provoca un calo di vendite.
    quando vedo la folla al kitch o all'otel che costano meno e hanno un buffet piuttosto deludente penso che forse in effetti hanno capito tutto loro :-)

    RispondiElimina
  14. Sicuramente i costi sono maggiori, ho pero' la certezza che nei locali fiorentini (e magari anche di altre città ma parlo per cio' che conosco) non sia tanto un discorso di pagare di piu' le materie prime (un ristorante stai tranquilla che non paga le verdure quanto noi, so bene anche io che quando vado all'alimentari qui di fronte all'ufficio mi preparo a spendere cifre da gioielliere, ma questo non è sufficiente), quanto proprio come dici della vodka cavalli un discorso di marketing.
    Perchè in quel modo hai già deciso che clientela ti verrà a trovare, e stai tranquilla che sarà molto difficile trovare studenti all'O'cafe piuttosto che al porfirio o che so io...
    Riguardo alla qualità degli alcolici sfondi una porta aperta, mai mai superalcolici da lidl :) soprattutto per i postumi che ti danno!!!!

    un bacio e a presto...

    RispondiElimina
  15. un bacione anche a te kali :)

    RispondiElimina
  16. mah
    comunque il 15ello per aperitivare resta cifra corposa , la nelli non mi convince, mi sa che la SuperSimo ha colpito nel segno
    :-P
    per quanto riguarda il fruttivendolo bio mi si consenta di tirare un'altra legnata (con tutto l'amore ed il rispetto per il fruttivendolo della nelli, che non ho idea di chi sia!): andai ad accompagnare una mia amica che aveva deciso di passare al bio puro&duro acquistando roba al supermercato bio (non faccio nomi, anche se dovrei).
    Sono rimasto scandalizzato
    a) dalla mini-monoporzioni a costi scandalosi e con una quantità di imballaggi vergognosa in rapporto alla 'merce'
    b) i formaggi di un caseificio bio di greve subivano un ricarico del 300 % circa

    quindi attenzione che non tutto il bio che si paga come oro va al contadino ma talvolta va ad arricchire l'intermediario !!!!

    RispondiElimina
  17. precisazione
    l'insalata in busta la devo a Carlin Petrini, sempre sia lodato, presidente mondiale di Slow Food
    (m'avessero a far causa per appropriazione indebita)
    :-)

    RispondiElimina
  18. Beh si sa le cose migliori sono per molti ma non per tutti! Per fortuna...

    RispondiElimina
  19. @ super simo
    E UN COMMENTO in riferimento al cameriere ? :)

    RispondiElimina
  20. ma per arrivarci dove conviene parcheggiare? alla stazione smn?

    RispondiElimina
  21. Fabiano, il barman è andato via. ora i cocktail sono buoni ma "normali".

    RispondiElimina
  22. siamo tornati di recente e il buffet è peggiorato

    RispondiElimina
  23. Sono stata qualche sera fa.. non so chi era questo Fabiano.. ma c'era un barman alto e moro che mi ha fatto delle cose da bere da rimanere veramente senza parole( e pio cosi carino..!!)

    RispondiElimina
  24. ne avevo già sentito parlare e l'ho ripensato di recente...sto organizzando una serata particolare e potrebbe essere il posto che mancava... ;)

    RispondiElimina
  25. L'altra sera - 31 dicembre 2010 - mentre aspettavamo l'arrivo di amici per cena, abbiamo fatto una passeggiata e, visto che il bar in questione era aperto, siamo entrati per bere una cosa. Erano le 19 circa. Ci dicono molto gentilmente che il buffet, solitamente presente all'ora dell'aperitivo, non era stato proposto perchè anche la parte del locale destinata al bar era stata "occupata" dal ristorante, causa cenone di fine anno. Va bene, possiamo bere qualcosa in piedi, al bancone? Certo. Due CRODINI e dieci minuti di permanenza al massimo. Prezzo: 14 euro.

    RispondiElimina
  26. si puo avere l'indirizzo esatto??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' in via de Bardi, quasi a Ponte Vecchio. Ma la gestione è cambiata.. non so se e come facciano l'aperitivo ora.

      Elimina

Qualsiasi commento è benvenuto :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...